Bosco di Tanali

Bosco di Tanali

Il Bosco di Tanali è stata la prima area naturale protetta di interesse locale istituita dalla Regione Toscana.
Tutta la zona è stata proposta come zona umida di importanza internazionale dalla regione Toscana nell’ambito dell’iniziativa MedWet.
L’ente gestore è il Comune di Bientina, con l’ausilio di un Comitato di Gestione e di una commissione consultiva.

Fauna

L’area protetta racchiude vari habitat umidi, che hanno visto un sensibile incremento grazie alle attività di restauro ambientale: un bosco igrofilo di notevole valore naturalistico, canali, aree allagate, prati umidi, cariceti, canneti. Nell’area è presente flora specifica dei suoli inondati e degli ambienti a cariceto.

Per alcune specie il Bosco Tanali costituisce ormai l’unica stazione del bacino del Bientina. L’area di Bosco Tanali è rappresentativa della maggior parte degli habitat e delle specie delle aree palustri d’acqua dolce toscane. L’intero bacino del Bientina è un’area segnalata dagli studi della Società Botanica Italiana come area di interesse botanico e vegetazionale.